Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2012

Soluzione del rompicapo dell’evasione

Immagine
Certi giochi ci mettono duramente alla prova: sono i “rompicapo”. Esistono dei video che spiegano le soluzioni di alcuni di questi rompicapo? Ebbene sì, esistono. In particolare posso segnalare il blog InfoTech. Quello che vi presento è il primo video sul rompicapo dell’evasione. Ne seguiranno altri, intanto potete visitare il blog InfoTech e iscrivervi perché vi saranno forniti altri video e una presentazione che spiega mossa per mossa la strategia risolutiva del rompicapo. Buona visione.Il rompicapo dell’evasione.Tag di Technorati: ,

La terra trema ancora in Emilia

Immagine
Un sisma di magnitudo 5.8 ha colpito ancora una volta l’Emilia alle ore 9:00 di stamane 29 maggio 2012. L’epicentro è situato presso Medolla (MO). Dopo le ore 9:00 si sono verificate altre scosse di assestamento: una di magnitudo 4.0 (ore 9:07), con epicentro Cavezzo (MO) e un’altra di magnitudo 4.1 (ore 9:09), epicentro Concordia sulla Secchia (MO). In seguito si sono verificate altre scosse di magnitudo comprese tra 3.0 e 3.8. L’ultima, mentre scrivo questo post è avvenuta alle ore 10:15 con epicentro Mirandola (MO) ed è stata di magnitudo 3.8.Si tratta di una nuova crisi sismica che sta colpendo la zona dell’Emilia. Il movimento tettonico che sta provocando questi terremoti, presumibilmente, è sempre quello dovuto agli spostamenti della placca adriatica.La forte scossa è stata percepita chiaramente in tutto il centronord ed ha causato nuovi crolli, un morto e altri feriti. La gente è scappata per le strade in preda al panico. I treni sono fermi a Bologna per accertamenti sulle line…

Pulizia pannelli solari. Un robot creato dagli studenti.

Immagine
I pannelli solari devono essere puliti regolarmente e occorre una attenta manutenzione per mantenere la loro efficienza e per massimizzare la quantità di energia solare che viene convertita in elettricità. Con questo obiettivo in mente, un gruppo di studenti del CalTech e dell’UCLA hanno sviluppato un incredibile robot che pulisce i pannelli solari. Questo progetto ha vinto un terzo del premio di denaro (200000 dollari) del National Clean Energy Business Plan Competition.Dotato di spazzole rotanti, questo leggerissimo robot, chiamato Greenbotics GB1, è in grado di pulire due pannelli solari (di dimensioni medie) alla volta. Mentre si muove orizzontalmente sulle file di pannelli solari, riesce anche ad ottimizzare il consumo di acqua per effettuare la pulizia. Il robot è molto facile da gestire: bastano due persone che lo sistemano sulla superficie dei pannelli solari e il computer di bordo del robot comincia a coordinare i suoi movimenti. Un unico operatore può controllare l’andamento…

Sindrome da pagina bianca

Immagine
La sindrome da pagina bianca non colpisce soltanto gli scrittori o i giornalisti, ma anche i blogger. Eccolo! E’ arrivato uno che non sa più cosa scrivere e adesso scrive qualcosa sulla sindrome da pagina bianca. In realtà non è affatto vero che non so cosa scrivere. Cose da scrivere ne avrei a volontà, ma ultimamente i miei impegni personali mi stanno tenendo un po’ più lontano dal blog.Per fortuna adesso ho un po’ di tempo e mi è venuto in mente di scrivere un post dedicato a tutti coloro che sentono venir meno la loro “vena da scrittore”. Secondo me il rimedio migliore quando non si sa più cosa scrivere e le idee non arrivano più è di mettersi sdraiati sul letto o sul divano e lasciare vagare la mente. Bisogna rilassarsi per fare questo, magari mettendosi in penombra, oppure con le cuffie per ascoltare la propria musica preferita. Per fare rifluire buone idee nella propria mente occorre scacciare via l’ansia della giornata e gli eventuali problemi personali.Ovviamente bisogna “disa…

Campo elettrico e campo magnetico

Immagine
Il campo elettrico e il campo magnetico hanno proprietà simili:1) campo magnetico e campo elettrico sono campi di forza, cioè campi che descrivono gli effetti di una forza (in un caso quella magnetica, nell’altro quella elettrica);2) entrambi sono descritti da linee di campo;3) esistono due tipi di poli magnetici, come esistono due tipi di carica elettrica;4) in modo analogo a quanto accade per le cariche elettriche, poli dello stesso tipo si respingono e di tipo diverso si attraggono;5) un conduttore scarico può essere elettrizzato da un corpo carico, come una sbarretta di acciaio può essere magnetizzata da una calamita;Però i due campi differiscono per aspetti molto importanti:1) quando si ha l’elettrizzazione per contatto, parte della carica elettrica del primo corpo passa al secondo; nella magnetizzazione di un oggetto ferromagnetico non si ha alcun passaggio di poli magnetici;2) mentre esistono oggetti carichi positivamente o carichi negativamente, una calamita ha sempre entrambi

Terremoto in Emilia: si poteva prevedere?

Immagine
La pressione dell’Appennino è il motore dei guai sismici che hanno causato il terremoto tra Modena e Ferrara. Ogni volta che c’è un terremoto che preoccupa, ricomincia il tormentone: “si poteva prevedere?”. Oppure: “si era previsto tutto, ma non ci ha creduto nessuno?”. Ovviamente non stiamo parlando di veggenti o di sensitivi, che riescono a prevedere di tutto, ma solo DOPO che è successo… Stavolta stiamo parlando di veri metodi scientifici per prevedere in maniera efficace i terremoti.
Si tratta di studiosi, sia italiani che stranieri, che hanno sviluppato due algoritmi che ci danno un’ottima speranza di prevedere i terremoti.
L’allarme sull’evento sismico in Emilia era stato portato pochi giorni fa alla Commissione Grandi Rischi da un gruppo di studiosi italiani. Giuliano Panza, ordinario di sismologia dell’Università di Trieste e i colleghi del centro di Fisica Teorica di Miramare. Si sono presentati con una mappa d’Italia, sulla mappa era segnata una zona che, con il loro metodo …

Perché combattiamo?

Immagine
Le guerre, purtroppo, fanno parte della storia dell’uomo e anche della cronaca recente. Gli allarmi per il terrorismo si ripetono e la violenza sembra circondarci senza tregua. Nemmeno i rapporti sociali sembrano esenti dalla violenza, soprattutto in questi momenti di crisi.Una delle due più importanti riviste scientifiche del mondo, Science, invece di occuparsi di Fisica o di genetica (come fa di solito), è uscita con un numero speciale dedicato proprio alla violenza, intitolato “perché combattiamo”.Combattere per un confine, per un compagno, per il cibo, per il primato di un popolo su un altro. Comunque la violenza, ci dice la scienza, fa parte della nostra natura. Spesso alla base di un conflitto c’è il meccanismo della nostra identificazione con un gruppo che ci porta a disumanizzare chi appartiene ad un gruppo diverso dal nostro. E se i gruppi si differenziano su basi religiose o su valori considerati sacri, questo ne aumenta il grado di coesione interna fino ad ispirare atti sac…

Energie rinnovabili: sfruttamento delle maree in Scozia

Immagine
Impianti che sfruttano l’energia delle maree. Queste “tidal farms” fanno uso di turbine installate sul fondo del mare per sfruttare le immense riserve di energia immagazzinate negli oceani del nostro pianeta per convertirle in elettricità.Esistono molti progetti di costruzione di tidal farms un po’ in tutto il mondo, ma in Scozia sono più avanti, perché una di queste centrali, capace di generare una potenza di 1 Megawatt, è stata appena installata presso il Sound of Islay, sulle coste delle isole Orcadi, un arcipelago situato nel Mare del Nord.Recentemente in questo tratto di mare è stata installata una turbina sottomarina alta 30 metri. Dopo l’installazione sono stati effettuati dei test per generare corrente elettrica per alimentare le zone circostanti. Scottishpower Renewables, che ha effettuato gli esperimenti, ha messo in evidenza che la turbina ha avuto una buona resa energetica e adesso sta alimentando le abitazioni e le imprese commerciali dell’isola di Eday.Non è stato affatt…

Cratere Schiller

Immagine
Continuano le mie foto “turistiche” del Sistema Solare. Questa volta torniamo sulla Luna e ci concentriamo sul cratere Schiller. Si tratta di una formazione lunare peculiare che appare evidente anche a prima vista esplorando la Luna anche con un piccolo telescopio.Il cratere è intitolato ad un cartografo ed avvocato tedesco, Julius Schiller (1580 – 1627), che cercò di “cristianizzare” il cielo sostituendo i nomi classici delle costellazioni zodiacali con i nomi dei dodici apostoli! A parte il fanatismo di alcuni fedeli del passato, vediamo cosa ha di particolare questo spettacolare cratere.Innanzitutto si osserva subito la sua forma estremamente allungata; non si tratta di un effetto prospettico dovuto al fatto che il cratere è vicino al bordo: è effettivamente allungato. Le dimensioni infatti sono di 70x180 Km. Come mai questa struttura così allungata? Probabilmente fu generato da un doppio impatto meteoritico. Il picco centrale si trova solo nella parte a destra in alto (nella foto)…

Ford C-MAX 2013, prima auto ibrida della Ford

Immagine
Ecco la prima auto ibrida della Ford che verrà immessa nel mercato europeo, si tratta della Ford C-MAX 2013 e si potrà trovare nei concessionari verso ottobre 2012. La Ford ha annunciato che la C-MAX ibrida 5 posti verrà venduta ad un prezzo iniziale di 25995 dollari, che è 500 dollari in meno della sua più diretta concorrente, la Toyota Prius.La Ford non ha ancora rilasciato in dettaglio le specifiche di questa nuova “creazione”, ma ci si aspetta che abbia le giuste caratteristiche per un’auto ibrida e cioè che consumi poco e abbia prestazioni decenti.Le auto ibride sono quelle che montano due motori: uno funzionante con normale carburante, l’altro elettrico. Si tratta di una accoppiata che non rappresenta una novità, ma il mercato non è mai stato molto aperto a questo tipo di soluzioni. Il fatto che la Ford stia presentando questa C-MAX ibrida nel mercato europeo lascia ben sperare per un futuro successo di questo tipo di motorizzazioni che consentirebbero un notevole risparmio di c…

La legge di Coulomb può essere divertente

Immagine
La legge di Coulomb può essere spiegata in maniera divertente? Magari con qualche esperienza interessante questa importante legge della Fisica può essere spiegata a “grandi e piccini” senza annoiare senza però perdere in rigore scientifico. Il fisico Rino Milone ci mostra proprio alcuni esperimenti molto divertenti che vengono effettuati in studio e presentati in questo filmato durante il programma Geo & Geo (condotto da Marco Castellazzi).Un buon motivo per dare un’occhiata a questo filmato non è solo il fatto che è una buona occasione per comprendere meglio alcune delle leggi fondamentali della Fisica, ma è anche un’occasione per capire come trasmettere tali conoscenze agli altri. Uno dei più grandi problemi della divulgazione scientifica è che la scienza in generale e la Matematica e la Fisica in particolare, sono percepite come “noiose” dalla maggior parte delle persone. Anche se sono le materie che “reggono” letteralmente l’edificio della scienza moderna, sono “snobbate” dall…

Tutta l’acqua del mondo

Immagine
Sappiamo che il 70% della superficie terrestre è occupata da oceani e questo farebbe pensare che sulla Terra c’è moltissima acqua. In realtà non è proprio così, perché se potessimo concentrare tutta l’acqua presente sulla Terra in un’unica sfera, questa avrebbe un raggio di soli 700 chilometri. Nell’immagine di questo post possiamo vedere proprio questa situazione. Una sfera del genere è grande meno della metà della Luna, ma è anche molto più grande, ad esempio, di Rhea, un satellite di Saturno. Fa un po’ impressione vedere come tutta l’acqua del mondo concentrata in una sfera sembri solo una goccia rispetto alle dimensioni della Terra. Questo è dovuto al fatto che l’acqua è distribuita in uno strato sottile al di sopra della crosta terrestre (la massima profondità è di circa 11000 metri nella fossa delle Marianne) e quindi il volume effettivo dell’acqua non è molto grande. Ciò ci vede fare riflettere: inquinare i mari e i laghi è un vero delitto, perché la vita nel nostro mondo dipen…

Macchia solare gigante e (probabile) tempesta solare

Immagine
In questi giorni sul Sole è apparso un gruppo di macchie solari da record. La sua lunghezza raggiunge i 100000 chilometri. Si tratta di una formazione spettacolare talmente grande che molti sono riusciti a vederla ad “occhio nudo”. ATTENZIONE! Per occhio nudo si intende, ovviamente, con filtri appositi che proteggono l’occhio e senza l’ausilio di binocoli o telescopi. Se volete tentare anche voi la visione di questa grande formazione di macchie solari vi consiglio di NON usare filtri improvvisati, come negativi fotografici e lastre di raggi X, perché queste schermano la luce visibile, ma non fermano i raggi ultravioletti che sono pericolosi per gli occhi. Il metodo migliore, se avete un binocolo o un piccolo cannocchiale, è quello della “proiezione da oculare”, che potete vedere illustrato in questa pagina.Anche io mi sono cimentato nella fotografia del gruppo di macchie denominato AR 1476. Molti siti hanno copiato e incollato sempre lo stesso messaggio in cui si dice che questo grupp…

Le mie foto astronomiche

Immagine
Io, come astrofilo, sono sempre stato un “visualista”, cioè uno di quelli che mettono l’occhio all’oculare e cercano di “spremere” il telescopio o il binocolo alla ricerca del minimo dettaglio visibile di pianeti, galassie, nebulose, ammassi stellari. La fotografia, nei miei quasi 30 anni di onorata carriera di osservatore appassionato del cielo, non mi ha mai appassionato più di tanto. Preferisco di gran lunga la “freschezza” della visione all’oculare e credo che il fascino dell’osservazione visuale sia impareggiabile.Nonostante tutto, ogni tanto, qualche foto cerco di farla. Non ho un’attrezzatura fotografica pregevole, quindi i risultati che ottengo sono parecchio lontani dalle foto straordinarie che riescono a tirare fuori molti astrofili.Ciò che mi ha convinto a fare qualche foto del cielo è l’estrema facilità d’uso delle moderne fotocamere digitali. Nel 1982, quando ho cominciato a muovere i miei primi passi nel campo dell’astronomia amatoriale (avevo solo 14 anni), fare una fot…

Nuove fonti di energia: le rocce!

Immagine
Rompendo le rocce ad altissima pressione avviene una vera e propria reazione nucleare di fissione del ferro. Il ferro si divide in due parti e queste due parti sono gli atomi di alluminio e i neutroni in eccesso che ci sono nel ferro (il ferro ha più neutroni rispetto all’alluminio) vengono emessi. I neutroni vengono rivelati dalla formazione di bolle in alcune provette di gelatina.
Il motivo per cui la roccia reagisca in questo modo ad altissime pressioni ancora non è ben conosciuto. L’esperimento realizzato dal Politecnico di Torino (visibile in questo video) è stato portato a termine anche per convincere alcuni scienziati che studiano la fusione fredda. Sembra infatti che fusione fredda e le reazioni piezonucleari (come quella di questo esperimento) abbiano un legame fisico. Probabilmente sono effetti diversi di uno stesso fenomeno fisico. Se si riusciranno a capire le reazioni piezonucleari, probabilmente si riuscirà a capire anche qualcosa di più della fusione fredda.
Il vantaggi…

Impianto solare termico fai da te con materiali di recupero

Immagine
In questo video possiamo vedere un impianto solare termico realizzato con materiali di scarto. E’ stato usato un pannello risalente a circa 20 anni fa da restaurare, un boiler da 50 litri in acciaio inox da decalcificare, delle pompe ricavate da vecchie caldaie dismesse. Per la decalcificazione del boiler e la pulizia della serpentina interna del pannello solare è stata utilizzata una soluzione di acqua e acido cloridrico. Poi è stato usato anche del materiale isolante ricavato da vecchie lavastoviglie e un bidone di plastica.Il costo finale di questo pannello solare termico fai da te è stato di circa 150 euro. C’è da considerare, però, che i tre quarti della spesa sono dovuti ai collegamenti del tubo di rame e alla raccorderia bronzata.Si tratta di un’altra di quelle interessanti realizzazioni fai da te di quei sempre più numerosi appassionati che riescono a “tirare fuori” degli impianti solari (ma anche eolici) fai da te che funzionano pienamente. Nel filmato di questo post potete v…

Terapie con la cannabis in Toscana

Immagine
La Toscana è la prima regione ad avere approvato una legge per l’uso di farmaci a base di cannabis. Un decreto del 2007 ammetteva già in Italia l’utilizzo di preparazioni e derivati dalla marijuana a scopo terapeutico e palliativo. Ma in Italia tali farmaci non esistono; ora con questa nuova legge le ASL toscane penseranno alla fornitura. La norma disciplina l’uso dei cannabinoidi come antidolorifici, antiemetici nella chemioterapia. Inoltre permettono una riduzione della dipendenza dagli oppiacei. E’ davvero da molto tempo che la cannabis viene studiata per uso medico.La letteratura medica sugli impieghi dei principi attivi estratti dalla cannabis per curare malattie anche gravissime è sconfinata e lunga è la storia delle sue proprietà curative, sia antinfiammatorie, sia antidolorifiche. Nelle antiche civiltà della Cina, dell’Egitto, della Grecia, dell’India, del sud est asiatico e nelle civiltà islamiche medievali. Nel caso del glaucoma, ad esempio, il THC tetraidrocannabinolo, anch…

WiFi gratuito con la pupù dei cani nei parchi del Messico!

Immagine
Gli escrementi dei cani spesso danno fastidio quando si cammina per strada o al parco. A parte gli escrementi che lasciano i randagi (che sono già un problema non indifferente), i padroni dei cani spesso non hanno la buona educazione di togliere i “ricordini” che i loro amici a quattro zampe lasciano in giro. In Messico hanno trovato una soluzione simpatica a questo inconveniente: fornire nei parchi un certo numero di minuti di WiFi gratis per ogni certa quantità di escrementi che vengono depositati in un apposito contenitore che li “pesa”.Non ci credete? Allora guardate questo filmato!Certo, si tratta di un ottimo incentivo per tenere puliti i parchi e le zone pubbliche dagli escrementi dei cani, ma mi chiedo solo una cosa: se nei contenitori che pesano i “ricordini” dei cani si mettono dei sassi o qualunque altra cosa, i minuti di WiFi gratuito vengono assegnati lo stesso? Lo sappiamo bene che siamo in Messico, ma credo che una trovata del genere in Italia avrebbe avuto davvero vita…

Eolico fai da te windbelt: generare elettricità da una videocassetta!

Immagine
Windbelt! Si tratta di un tipo di generatore eolico che utilizza una “cintura” (belt, in inglese) che viene fatta vibrare dal flusso del vento. La vibrazione meccanica viene poi trasformata in energia elettrica. Se ci sono in giro su internet moltissime guide per realizzare delle turbine eoliche fai da te di ogni tipo (ad asse verticale o ad asse orizzontale o di qualunque altro tipo), è molto più raro trovare guide per realizzare un generatore eolico windbelt fai da te.Stavolta però una piccola guida l’ho trovata e ve la presento in questo filmato (durata 12 minuti) che spiega come costruire con una spesa irrisoria proprio un generatore windbelt. L’autore del video ha utilizzato il nastro di una videocassetta per realizzare la “cintura” che viene fatta vibrare dal vento. Certo, noterete che ha simpaticamente usato una videocassetta vietata ai minori, ma è ovvio che un nastro vale l’altro e che si può usare una videocassetta qualsiasi .Un vecchio hard disk da 2 Gb fornirà invece alcun…

Un blog da visitare: InfoTech

Immagine
Oggi vi presento un blog che potrebbe interessarvi. Si tratta di InfoTech. Ecco il suo aspetto grafico.Questo è un blog dedicato quasi esclusivamente alle novità informatiche con approfondimenti, guide, tutorial e video che permettono di capire meglio alcuni concetti. Inoltre vengono pubblicate lezioni di programmazione in linguaggio C/c++ e HTML, lezioni su argomenti di base sulla matematica come le proporzioni. Poi ci sono anche post dedicati alla logica che è un argomento indispensabile per la formazione di un bravo informatico!Con una grafica semplice, sobria ed efficace, gli argomenti vengono presentati in maniera ordinata e adatta alla rapida comprensione. Si tratta certamente di un blog da aggiungere ai preferiti. Buona lettura a tutti.Tag di Technorati: ,

Apnea notturna e incidenti stradali

Immagine
Un disturbo molto diffuso consiste nel dormire russando e poi trattenere il fiato. Una serie di apnee più o meno lunghe che certamente incidono sulla qualità del sonno. Ora si è capito che è una sindrome vera e propria in molti casi e bisogna farci attenzione perché le conseguenze possono anche essere gravi. Si chiama sindrome da apnee ostruttive nel sonno, o semplicemente apnea notturna.Un sonno interrotto, un continuo emergere e sprofondare, un’altalena che porta ad un risveglio pesante. Quello che resta è una giornata piena di momenti di sonnolenza e una faticata che si replica giorno per giorno. Si tratta di una patologia sommersa perché prima o poi ci si fa l’abitudine, ma nei casi più gravi le conseguenze possono essere spiacevoli. Si parla di infarti, ictus ma anche incidenti automobilistici per colpi di sonno e incidenti sul lavoro. Secondo i dati della polizia inglese il 20% degli incidenti stradali sono provocati da eccessiva sonnolenza diurna. Per quelli mortali la stima ar…

Celle solari che si possono dipingere sulla plastica!

Immagine
Potete immaginare delle celle solari che stanno dentro un barattolo invece di stare un ingombrante pannello solare e che si possono dipingere su una superficie di plastica? Lo so, lo potete immaginare benissimo, tanto voi che seguite costantemente i progressi della tecnologia ormai siete abituati a tutto e avrete già capito che qualcuno sta sviluppando proprio questo tipo di tecnologia.Vi racconto come stanno andando le cose. Alcuni ricercatori della University of Southern California stanno sviluppando un nuovo tipo di cella solare basata su nanocristalli talmente piccoli che 250 miliardi di essi potrebbero stare comodamente in un’area equivalente a quella della punta di uno spillo. Ma è proprio grazie alla piccola dimensione di questi nanocristalli che è possibile ricavarne un inchiostro da stendere o stampare su superfici lisce.Questa scoperta è importante perché potrebbe aprire la strada a celle solari che possono essere stampate su plastica anziché su vetro e che hanno quindi anch…

Esplorazione del Sistema Solare

Immagine
Il Sistema Solare si può esplorare anche dal balcone di casa, basta avere un piccolo telescopio e una fotocamera digitale per le “foto ricordo”. Ovviamente non sarà possibile compiere una esplorazione completa, ma un bel giretto lo si potrà fare lo stesso.A Pedara (CT) la sera del 30 aprile 2012 c’era un bel cielo con un buon seeing e ho portato fuori in balcone il telescopio per fare qualche “foto ricordo”. Ecco cosa sono riuscito a riprendere in questo mio piccolo viaggio.LUNACratere Platone (da confrontare con la foto fatta l’1 aprile 2012). Si tratta di un bellissimo cratere con un’età di 3,84 miliardi di anni. Dopo l’impatto del corpo che l’ha formato si è riempito di lava e per questo motivo il fondo è così piatto. Ha un diametro di 109 chilometri.Cratere Archimedes (in basso a destra). Altro stupendo cratere da impatto con un diametro di circa 83 chilometri. Si nota il fondo piatto con lievi chiaroscuri.Cratere Copernico. E’ un cratere dall’aspetto spettacolare e sembra che sia…